La Storia

Il Consultorio diocesano nasce nel 1982 per volontà di S.E. Salvatore Sorrentino, vescovo di Pozzuoli, e del Rev.mo Padre Pasquale Borredon, parroco del Buon Pastore a Fuorigrotta e responsabile diocesano della pastorale familiare.

In precedenza, nel triennio 1975-78, un corso presso la scuola superiore di preparazione per consulenti familiari riconosciuta dalla Pontificia facoltà teologica dell’Italia meridionale, aveva condotto gli operatori del consultorio, previa selezione, ad una conoscenza specifica delle problematiche matrimoniali, ad una formazione nel Counseling secondo Rogers, sottolineando la non direttività dell’intervento nel pieno rispetto della persona, ed, infine, ad una disponibilità gratuita verso tutti coloro che necessitano di aiuto per ritrovare la strada dell’armonia coniugale e dell’equilibrio personale.

Tale visione del consultorio prende il via in ambiente cristiano agli inizi del secolo XX e trova la sua forza nell’insegnamento di Gesù venuto per i malati, per i poveri al fine di guarirli dai mali che li affliggono, specialmente dalle sofferenze morali che distruggono ogni capacità di amare.

Nel triennio 1989-91, sempre per espressa volontà di S.E. Salvatore Sorrentino e del Rev.mo Padre Pasquale Borredon, parroco, nel frattempo, nella Chiesa di San Vitale a Fuorigrotta, si è svolto un secondo corso per consulenti presso la nostra sede al fine di identificare collaboratori da impiegare sia nel counseling e sia nella pastorale familiare.

In via 2 Luglio 1820, il Consultorio diocesano “Famiglia Nuova” ha svolto la sua attività fino al 1990; poi, nella Parrocchia di San Vitale ha continuato la sua opera in aiuto alle famiglie e alle coppie in difficoltà, per poi ricevere nel Marzo 1999 presso la Parrocchia di San Michele Arcangelo, al rione Toiano, per iniziativa di S.E. Silvio Padoin, l’attuale sistemazione.